Loading...

L’Elfo delle Noci, quest’Inverno, proprio non ne voleva sapere di venire alla luce.
Se ne stava lì, nascosto, sospeso tra il piano materiale e quello della fantasia. C’era sempre qualcosa che ne ritardava la nascita. Un po’ come la sottoscritta, che è nata con otto giorni di ritardo e tanto per stare tranquilla s’era pure messa di traverso.

E invece, il nostro Elfo, aspettava solo il momento giusto: quando il cielo dice “è Primavera” ma lei ci mette ancora un po’ ad arrivare sulla terra. L’attimo magico in cui l’Inverno ha la sua massima luce. Luce che cresce.

La piccola base della Noce è un nido di foglie bagnate dalla pioggia: custodiscono i semi che tra poco diventeranno fiori. Custodiscono anche un messaggio segreto: Believe! – credi.

Credi, la Primavera sta arrivando. Credi, e i tuoi sogni germoglieranno. Credi, sarà proprio la pioggia a nutrirli e a farli fiorire.

Ma devi essere paziente. Devi imparare che c’è un tempo per seminare, un tempo per raccogliere e – tra i due – una vita per coltivare.

E probabilmente è proprio la pazienza il messaggio che questo piccolo Elfo vuol portare nel mondo degli uomini, in questo lungo Inverno del 2019. La pazienza che è fiducia in un mondo migliore, e che si esprime col desiderio di fare più che col desiderio di avere. Perché la pazienza non è inerzia ma fiducia attiva.

L’Elfo di quest’Inverno non poteva che nascere femmina. E, come la sottoscritta, a differenza dei suoi Fratelli e Sorelle, sta messa al contrario. Perché la pazienza, sotto sotto, è sempre un po’ ribelle

Forse non lo sai, ma gli Elfi delle Noci – quelli veri – compiono un lungo viaggio per arrivare fin qui, a partire da una pallina di pasta polimerica. L’abilità nel modellarli è solo una piccola parte del percorso. Loro contengono tutto il sentire di un’intera stagione: a volte l’anticipano, a volte arrivano tardi, quando il loro momento sta quasi per finire.

Ognuno reca con sé un messaggio che è la voce degli Spiriti di Natura.

Trasportare questo sentire nel piano materiale richiede tempo e ascolto. Per questo – a parte qualche rara eccezione – ne nasce soltanto uno a stagione.

Ognuno arriva qui in cerca della “sua” famiglia umana e anche per questa nuova Elfa nella Noce è così. Se vuoi far entrare un po’ di magia nella tua vita, la troverai a partire da lunedì nella sezione In Cerca di Casa

E a proposito di pazienza…

Questa mattina, al momento di fare le foto, la tecnologia si è ribellata: la macchina fotografica non riusciva più a mettere a fuoco e quella di riserva era scarica. Così, ho dovuto farle con lo smartphone e non sono venute bene come avrei voluto. Forse è stato uno scherzo dei Pooka – come dice Anne Givaudan nel suo libro Incontro con gli Invisibili Custodi della Natura loro si divertono un sacco quando ci spazientiamo per le nostre stupide questioni umane – o forse è stata proprio la piccola Elfa che, vista la mia fretta, ha voluto darmi una lezione di pazienza. Ok, sì, lo confesso, da bravo sagittario non sempre riesco a esserlo!

E tu, che rapporto hai con la pazienza? Come gestisci le attese impreviste che capitano nella nostra vita di esseri umani con l’illusione del tempo legata al polso? Continuiamo a parlarne qui sotto nei commenti?